Geloni - Amicoperlapelle

Vai ai contenuti

Menu principale:

Geloni

La Dermatologia > Dermatologia medica

L'eritema pernio,volgarmente chiamato "gelone", è una malattia della pelle che, in quanto legata a prolungate esposizioni a temperature molto basse, era più frequente anni orsono, per esempio in tempo di guerra, quando le condizioni sociali erano meno agiate di oggi. Tuttavia i casi di geloni sono tuttora più frequenti di quanto si creda, soprattutto in donne giovani con qualche minima alterazione della circolazione periferica, che hanno per esempio spesso il problema delle mani e dei piedi molto freddi; anche i bambini sono colpiti in percentuali più elevate rispetto al resto della popolazione. La relativa maggior rarità del fenomeno ha poi contribuito a far si che al giorno d'oggi venga difficilmente riconosciuto come malattia a se stante anche da parte del medico di base.


Si presenta sotto forma di noduli o placche, intensamente arrossati, e il sintomo principale è il bruciore che può anche, in alcuni casi, diventare dolore; spesso è presente anche prurito. Le localizzazioni caratteristiche sono alle estremità, quindi dita delle mani e dei piedi, al volto e alle orecchie. Anche se la causa, al giorno d'oggi, va ricercata in una alterazione della circolazione sanguigna del paziente, resta tuttavia necessaria come elemento scatenante l'esposizione alle basse temperature, e quindi si tratta di una malattia tipicamente stagionale, con picchi nel periodo da Dicembre a Febbraio. Ancora più che la terapia, in questo caso, è importante la prevenzione: calze di lana e guanti sono indispensabili all'aperto, lo stesso per tutto ciò che può contribuire a mantenere alta la temperatura corporea. Quando le lesioni sono invece già presenti vanno trattate localmente con cortisonici topici, magari in associazione con antibiotici; a volte però, nei casi più gravi, si rende anche necessaria la somministrazione di farmaci che siano in grado di migliorare la circolazione periferica dilatando i capillari.

Non esiste quindi una terapia che sia completamente risolutiva per il problema, ma è possibile conviverci in maniera adeguata osservando alcune semplici norme di vita.

D.  Se mi copro bene posso evitare che mi ritornino quelle manifestazioni alle mani ?
R.: Si, se si riesce ad evitare l'esposizione a temperature troppo basse il fenomeno non appare o appare in maniera molto più leggera.

D.  Posso usare una comune crema cortisonica ?
R.: In linea di massima una crema al cortisone risolve il problema, ma bisogna fare attenzione all'atrofia (diminuzione di spessore) che il cortisone causa dopo lunghi periodi di applicazione.

D.  Esiste una terapia chirurgica del problema ?
R.: No, in quanto non si tratta di una alterazione dei vasi sanguigni di grandi dimensioni, ma di quelli piccoli (capillari) che irrorano direttamente la pelle

Torna ai contenuti | Torna al menu